Cenni documentativi

La chiesa di Santa Maria Assunta de Castro Alberti, detta l’Addolorata o anche l’Immacolata, sorge nella parte alta del castello di Orsano.
Antica parrocchiale aggregata al Capitolo di S. Gregorio Maggiore di Spoleto che in passato vi eleggeva il cappellano (nel 1613 D. Regolo Vissitani di Sellano, nel 1713 D. Francesco Cori).
I caratteri della costruzione sono propri della fine del sec. XIII o del XIV; ciò vale per il paramento in pietra e per il portale; l’imponente torre campanaria, con grande cella, è di poco posteriore, vi è presente una campana del sec. XIV fusa da Matteo di Spoleto.

Interno

Nell’interno, mascherato da rifacimenti degli ultimi due secoli, si conserva il pavimento originale a grandi lastre di pietra, un fonte battesimale in pietra con cuspide lignea e una statua lignea di S. Vincenzo Ferrer, di artigianato popolare della fine del sec. XVIII.
Il Barberini vi notò molti altari: quello della B.V. dei Rampi con affresco della B.V. tra i santi Pietro, Paolo, Francesco, Antonio; l’altare della Immacolata Concezione con omonima confraternita, sulla parete destra.
Sulla parete sinistra l’altare degli Ercoli, quello dei Pellicano con l’affresco della B.V. tra i santi Antonio, Felice, Francesco, Leonardo. Notò un piccolo tabernacolo ligneo, ed altro più grande dorato tra due angeli ceruferi lignei del sec. XVI, ed il fonte battesimale in pietra.
La chiesa era stata decorata allora di nuovi altari barocchi tanto graditi al visitatori di allora.